martedì 13 dicembre 2011

L’uppaterapia

Meno farmaci e più fiducia; meno farmaci e più attenzione; meno farmaci e più simpatia; meno farmaci e più informazione, meno farmaci e più natura. Ecco la uppaterapia, ovvero il manifesto del nostro giornale, Un pediatra per amico, per gli amici UPPA.


disegno di Franco Panizon



La uppaterapia è un modo di vedere la salute dei bambini che, se fossimo gente alla moda, chiameremmo “olistico”, ma che invece ci piace definire semplicemente "a tutto tondo", perché considera la salute in senso lato, come un insieme di fattori complessi e correlati.
Lo slogan dell'uppaterapia  è "fare meglio con meno", ovvero ottenere risultati migliori facendo solo l'essenziale. Perciò, chi sceglie questa strada può anche contare su un discreto risparmio di risorse economiche.
L'uppaterapia si basa sulla medicina moderna, quella vera, basata sulle prove scientifiche, anche conosciuta come  evidence based medicine; sull’educazione alimentare e la cucina sana: le ricette dell’uppaterapia utilizzano cibi freschi e di stagione, possibilmente bio, sono ottime, semplici e per tutti. Considera fondamentale il movimento, inteso non necessariamente come sport, ma  come capacità di muovere il corpo e di mantenerlo in buona efficienza camminando, correndo, arrampicandosi e giocando. Quindi, per una corretta applicazione dell’uppaterapia è necessario il contatto con la natura, ogni volta che è possibile.
Inoltre, l’uppaterapia utilizza risorse come la lettura, la musica, il gioco, il cinema, la scuola, quella vera, che sviluppa le capacità di apprendimento e la buona integrazione sociale, che educa alla solidarietà e alla collaborazione.
Per parlare di tutto questo, che è veramente tanto, abbiamo pensato di allargarci, di creare un luogo virtuale per spaziare da un argomento all’altro e per dare anche ai nostri lettori la possibilità di interagire.
Nella speranza che i seguaci dell’uppaterapia diventino tanti e sempre di più.

3 commenti:

  1. Volete un commento?
    Volete proprio un PRIMO commento?
    .... ? ...
    Non ce la faccio!
    Sono troppo emozionata!!!

    RispondiElimina
  2. Grazie, adesso posso lasciare il mio commento! daniela

    RispondiElimina
  3. Grandioso l'UPPA blog...ci voleva proprio!!!

    RispondiElimina